Ateneo

Ricerche e Progetti 2019

Titolo: Ricerche con il Circolo di Studi Diplomatici su temi prioritari per la politica estera italiana


Durata: 3 mesi
Data inizio: 02/09/2019
Data fine: 30/11/2019


Partenariato: 

  1. Circolo di Studi Diplomatici (Capofila)
  2. Università degli Studi “Link Campus University”

 

Descrizione: Il progetto si pone lo scopo di contribuire all’approfondimento di alcuni temi prioritari per la formulazione e la conduzione della politica estera italiana avvalendosi dell’apporto scientifico e di conoscenza del Circolo di Studi Diplomatici. La ricerca è organizzata in sette Dialoghi Diplomatici, che costituiscono una delle tradizionali forme di espressione delle attività di ricerca del Circolo, ed un Convegno.

I temi trattati nella ricerca sono:

  • Primo Dialogo: Relazioni euro-russe e il ruolo dell’Italia.
  • Secondo Dialogo: Mediterraneo e Medio Oriente tra potenze regionali ed esterne. Gli interessi dell’Italia.
  • Terzo Dialogo: L’Europa centrale e balcanica nella costruzione europea.
  • Quarto Dialogo: Autonomia strategica e ruolo globale dell’Unione Europea.
  • Quinto Dialogo: L’Unione Europea tra integrazione e differenziazione.
  • Sesto Dialogo: La gestione globale delle migrazioni internazionali.
  • Settimo Dialogo: La Turchia tra ancoraggio europeo e ambizioni di Potenza regionale.
  • Convegno finale: Dalla stagnazione al rilancio del progetto europeo.

 

Attività LCU:

Supporto scientifico, tecnico e amministrativo tramite trascrizione e proof-reading degli atti dei Dialoghi e del Convegno finale.

 

Fondi:

Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 


 

Titolo: Pubblicazione del volume “Promozione Integrata del Sistema Paese”

 

Durata: 4 mesi
Data inizio: 01/09/2019
Data fine: 31/12/2019


Partenariato: 

  1. Circolo di Studi Diplomatici (Capofila)
  2. Università degli Studi “Link Campus University”

 

Descrizione: L’Università degli Studi “Link Campus University” ha posto in essere attività di ricerca di tipo policy oriented sul tema “La Politica estera come investimento per il futuro dell’Italia” segnalata come prioritarie e strategica dall'Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione storica del MAECI. Studi in tale direzione sono reputati dal MAECI proficui per coadiuvare la definizione e la conduzione della politica estera italiana.

Stante il leitmotiv della strategia di promozione integrata – quello di “Fare Sistema” nell'ambito della proiezione esterna dell’Italia – Link Campus University ritiene che la realizzazione di un volume specialistico su questo tema possa costituire una parte integrante della strategia stessa.

 

Attività LCU:

  • Ricerca di tipo policy oriented
  • Pubblicazione del volume

 

Fondi:

Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 


 

Titolo: Digitalizzazione per la fruizione ai fini della ricerca storico-diplomatica dell’archivio del Circolo di Studi Diplomatici

 

Durata: 3 mesi
Data inizio: 02/09/2019
Data fine: 30/11/2019

Partenariato: 

  1. Circolo di Studi Diplomatici (Capofila)
  2. Università degli Studi “Link Campus University”

 

Descrizione:
Il Progetto, denominato “Digitalizzazione per la fruizione ai fini della ricerca storico-diplomatica dell’archivio del Circolo di Studi Diplomatici, ha previsto lo svolgimento delle seguenti attività progettuali, condotte congiuntamente dalla Link Campus University e dal Circolo di Studi Diplomatici: attività di supporto alla ricerca storico-diplomatica tramite la digitalizzazione di analisi e valutazioni sui maggiori temi della politica internazionale raccolte negli oltre 50 anni di storia del Circolo di Studi Diplomatici nella forma di lettere, dialoghi e quaderni di lezioni svolte in attività di formazione,costituendo un archivio telematico su sito web con relativa App (Android – Mac Os X) per la consultazione per singolo file, di documenti in formato PDF continuamente aggiornato dalle nuove pubblicazioni del Circolo, al fine di renderlo fruibile a condizioni di facile accesso al più vasto pubblico di studiosi, ricercatori e persone interessate alla storia recente delle relazioni internazionali e al ruolo in esse svolto dall’Italia.

 

Attività LCU:

  • scannerizzare un totale di 1264 Lettere diplomatiche (di estensione dalle 4 alle 6 pagine) e di 246 Dialoghi diplomatici (di estensione dalle 15 alle 20 pagine) per un complessivo numero di pagine di oltre 10.620.
  • creare l’archivio multimediale
  • definire criteri di catalogazione

 

Fondi:

Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 


 

Titolo: Energy MAnagement CONTROL (EMA CONTROL)

 

Durata: 30 mesi
Data inizio: 01/07/2019
Data fine: 31/12/2021

 

Partenariato: 

  1. TECNO ACCISE (Capofila)
  2. Università degli Studi “Link Campus University”

 

Descrizione:In un’ottica di un continuo miglioramento ed estensione dei propri servizi, il progetto EMA CONTROL punta a sviluppare una nuova piattaforma tecnologica che permetta di:

  • Acquisire una sempre maggiore quantità e tipologia di dati da diverse tipologie di sorgenti informative. Tutto ciò si dovrà tradurre in una piattaforma altamente flessibile;
  • Offrire nuove funzionalità di analisi dei dati raccolti, che permettano una classificazione “dinamica” dei profili energetici;
  • Raccomandare servizi/azioni sulla base della particolare situazione/classe (presente o prevista nel futuro) assegnata dal sistema ed una base di conoscenza che raccoglie il know-how aziendale in formato digitale;
  • Offrire nuove modalità di visualizzazione dei dati (dai dati degli impianti raccolti ed analizzati ai dati di funzionamento e configurazione delle macchine) e fruizione di servizi messi a disposizione dalla piattaforma (ad esempio supporto alle decisioni), allo scopo di rendere tali interazioni più interattive, efficaci e complete;
  • Garantire alti livelli di sicurezza e privatezza dei dati e, allo stesso tempo, offrire una completa trasparenza e tracciabilità di come e quando i dati sono raccolti, analizzati ed utilizzati all’interno della piattaforma. Questo anche in un’ottica di sviluppo di servizi di certificazione (energetica/ambientale) della produzione all’interno di impianti industriali.

Per realizzare gli obiettivi sopraelencati, il progetto svilupperà adeguate ricerche nell’ambito delle seguenti tecnologie innovative:

  • Big data, Internet of Things ed architetture Lambda;
  • Machine Learning ed Intelligenza Artificiale per supportare i punti;
  • Human-Computer Interaction e Augmented reality;
  • Blockchain.

 

Attività LCU:
All’interno del progetto i ricercatori della Link Campus si propongono di analizzare i dati provenienti dall’impiantistica utilizzando due approcci diversi: l’intelligenza artificiale, da intendersi come Machine Learning o Deep Learning, e la modellazione dinamica. I due approcci saranno utilizzati al fine di validare i reciproci output (check di coerenza) e migliorare l’effettiva nuova conoscenza estratta, tentando di fornire stime sui consumi futuri con un maggiore grado di affidabilità. Il confronto fra due tecniche, parimenti usate in ambito scientifico, permetterà oltre ad affinare la previsione anche di confrontare le due metodologie e di estrarre da tale confronto un risultato riportabile alla comunità scientifica di riferimento.
Allo stesso modo, l’introduzione delle Blockchain come sistema di gestione decentralizzata delle risorse permetterà di validare uno strumento tecnologico innovativo in una applicazione industriale, testando le capacità di resa e l’applicabilità in campi diversi dal settore finanziario.

 

Fondi:
Fondo per la Crescita Sostenibile – Sportello “Fabbrica Intelligente” PON I&C 2014-2020 (MISE)

 


 

Titolo: Libya Up - Labs of Innovation and Business for Young Actors of start UP


Durata: 36 mesi
Data inizio: 15/11/2019
Data fine: 14/11/2022

 

Partenariato: 

  1. LINK CAMPUS UNIVERSITY – Capofila (Italia)
  2. FAKULTETA ZA UPORABNE DRUZBENE STUDIJE V NOVI GORICI ZAVOD (Slovenia)
  3. PARAGON LIMITED (Malta)
  4. UNIVERSITY OF BENGHAZI (Libia)
  5. BRIGHT STAR UNIVERSITY (Libia)
  6. UNIVERSITY OF ELMERGIB (Libia)
  7. UNIVERSITY OF GHARYAN (Libia)
  8. MISURATA UNIVERSITY (Libia)
  9. LIBYAN ACADEMY MISRATA (Libia)
  10. SEBHA UNIVERSITY (Libia)
  11. GULF OF SIDRA UNIVERSITY (Libia)
  12. SIRTE UNIVERSITY (Libia)
  13. UNIVERSITY OF TRIPOLI (Libia)
  14. UNIVERSITY OF ZAWIA (Libia)

 

Descrizione:
Il progetto mira ad incrementare il contributo culturale e imprenditoriale delle istituzioni universitarie libiche nel processo di crescita economica e sociale del paese. L’obiettivo è migliorare le loro capacità organizzative per connettere le attività accademiche di ricerca al mercato del lavoro e alla società civile, in particolare attraverso l’implementazione di TTO - Technology Transfer Offices (corrispondenti agli UTT – Uffici di Trasferimento Tecnologico presenti in alcune università italiane).
Infatti, le università libiche necessitano di supporto sia per migliorare l’organizzazione interna sia per rafforzare le attività di coordinamento e networking volte ad ampliare la propria visibilità internazionale. Esse giocano un ruolo primario nella promozione dei processi di innovazione nazionale possedendo già alti livelli accademici. Tuttavia, sarebbero in grado di stimolare maggiormente lo sviluppo interno se solo potessero divulgare sufficientemente i propri risultati di ricerca.
Dunque, per il mondo accademico libico, i TTO rappresentano una finestra sul mercato imprenditoriale e del lavoro, attraverso la quale mostrare all’esterno ricerche ed idee, promuovere la creatività, valorizzare il dialogo sociale e avviare i giovani alle professioni.
Il progetto, dopo un’analisi della situazione sociale, legale ed economica del paese, così come del livello e delle potenzialità della ricerca scientifica e tecnologica in ambito universitario, si focalizza sullo sviluppo del predetto sistema di divulgazione/promozione.

 

Attività LCU:

  • Sviluppare abilità innovative e multidisciplinari per promuovere le attività delle istituzioni universitarie libiche;
  • facilitare lo scambio, i flussi e la creazione di conoscenza tra università;
  • stimolare lo spirito di impresa e le capacità delle università nel condurre azioni/attività innovative;
  • creare un network nazionale e internazionale sui temi del progetto.

 

Fondi:
Programma: Erasmus+;
Key Action: KA2 - Cooperation for innovation and the exchange of good practices;
Action: Capacity Building in higher education.

 


 

Titolo: INFERNO


Durata: 1 mese e 20 giorni
Data inizio: 17/06/2019
Data fine: 06/08/2019

 

Descrizione:
Il progetto incrementa l’offerta culturale del territorio tramite la rappresentazione teatrale dell’Inferno di Dante ed altre attività collaterali volte alla formazione, sensibilizzazione e alfabetizzazione teatrale.
Le attività avvengono, in modalità itinerante e site specific, all’interno della sede della Link Campus University, sito di interesse storico-artistico, abitualmente isolato dal punto di vista urbanistico e dell’offerta artistica. Esso risponde alla necessità di accrescere il benessere dei cittadini, diffondere la cultura teatrale e rendere il municipio XIII, carente di spazi per lo spettacolo dal vivo, attrattore di pubblico (trasversale per età e tipologia).
Lo spettacolo, di tipo esperienziale, amplia la cultura dello spettatore, in modo unico ed originale per ritmo, movimenti nello spazio, interazioni tra luce e suono. La messa in scena è un viaggio nella coscienza collettiva dei vizi dell’uomo moderno, che conduce lo spettatore fino al centro dell’azione.
Peculiarità del progetto è la creazione dell’opera attraverso un laboratorio formativo di recitazione e drammaturgia (Inferno Lab), aperto ad 11 giovani attori selezionati su provino (fruitori di borsa di studio). Coniuga teoria e pratica, in una metodologia di apprendimento resa unica dalla creazione sinergica dell’opera. Il laboratorio incrementa forme espressive tradizionali e non (teatro di parola, poesia, danza, movimento scenico, pantomima) e culmina con la messa in scena dello spettacolo. É altresì previsto un laboratorio di alfabetizzazione teatrale per bambini sul tema del gioco teatrale (Teatro dei piccoli), tenuto da docenti universitari. L’ambito espressivo, dinamico e coinvolgente, incentrato sugli elementi basilari del fare teatro (corpo, voce, emozioni), permette di coltivare la creatività sperimentando giochi, percorsi espressivi e drammatizzazione.
Il teatro riacquista la funzione sociale di convivialità cittadina, cercando di approfondire la curiosità dello spettatore lungo percorsi di crescita individuale e collettiva, contribuendo a creare una comunità colta e coesa. Il progetto, oltre a formare i gli attori, avvicina il pubblico al processo creativo che parte dall’analisi della letteratura e arriva fin sopra il palco.
Sono previste prove aperte e incontri di approfondimento con artisti, performer, operatori di settore, critici. Gli incontri stimolano maggiormente la riflessione e la discussione sulle tematiche legate al testo, alla drammaturgia, ai ruolo di attore/regista e a tutto il mondo teatrale. In particolare, la Giornata di studio “L’uso del corpo nel teatro” affronta le problematiche legate al rapporto tra corpo, arti multimediali e tecnologie digitali, posto che il passaggio dai vecchi ai nuovi media è elemento centrale di ogni forma rappresentazione.

 

Attività LCU:

  • Produzione e messa in scena dello spettacolo;
  • Laboratori teatrali (Inferno Lab, Teatro dei piccoli);
  • Meeting e giornate di studio.

 

Fondi:
Il progetto è co-finanziato con i fondi di Roma Capitale Avviso pubblico “Estate Romana 2019”.

 


 

Titolo: TRAMA – Trascrizioni, Riproduzioni, Analisi dei Manoscritti degli Archivi del Lazio


Durata: Fase 1 - 12 mesi giu 2019-mag 2020
Fase 2 - 18 mesi giu 2020-dic 2021

Partner:

  • L’università LINK CAMPUS UNIVERSITY (LCU), in qualità di organismo di ricerca.
  • Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione (Capofila)
  • Comune di Casperia (RI), in qualità di proprietario;
  • Comune di Velletri (RM), in qualità di proprietario;
  • Comune di Alatri (FR), in qualità di proprietario;
  • Capitolo della Cattedrale di Sezze (LT) in qualità di proprietario;
  • Comune di Magliano Sabina (RI), in qualità di proprietario;

 

Descrizione:
L’obiettivo di progetto è di impiegare nuove tecnologie disponibili nella digitalizzazione del contenuto dei manoscritti e dei documenti posseduti dagli archivi coinvolti nel progetto (in particolare sviluppate su progetti comunitari di ricerca e sviluppo e disponibili all’utilizzo), col fine di estrarne conoscenze specifiche e definire dei percorsi di valorizzazione basati su ulteriori tecnologie di fruizione. Oltre alla valorizzazione di contenuti altrimenti non disponibili né agli utenti primari (cittadini, turisti, etc.) né agli operatori di settore (studiosi e ricercatori che possono accedere solo in prossimità dell’asset culturale indirizzato), il progetto prevede di caratterizzare i contenuti estratti anche nell’ottica dell’accessibilità, sviluppando dei percorsi di diffusione multi-sensoriale e multi-piattaforma.
Il risultato finale pertanto è la realizzazione di un ecosistema di servizi innovativi basati sull’acquisizione digitale di manoscritti e documenti archiviati in alcuni istituti culturali laziali.

 

Attività LCU:
LCU si occuperà della progettazione tecnologica dell’intervento e sarà successivamente impegnata nello sviluppo di tecnologie innovative per la scansione automatica dei manoscritti al fine della comprensione ed acquisizione dei testi (scritti in corsivo e con stili diversi) e della loro digitalizzazione, nonché nello sviluppo della piattaforma digitale innovativa per la fruizione dei contenuti così acquisiti. La partecipazione di LCU è fondamentale in tal senso, sia per guidare gli sviluppi tenendo conto dello stato dell’arte, sia per garantire agli enti archivistici la comprensione delle integrazioni tecnologiche e sviluppare con essi i modelli di fruizione proponibili ai propri utenti target.

 

Fondi:
Il progetto è cofinanziato con i fondi del POR FESR LAZIO 2014-2020 - Intervento 2 del DTC – Distretto Tecnologico per le nuove tecnologie applicate ai Beni ed alle Attività Culturali: “RICERCA E SVILUPPO DI TECNOLOGIE PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE”.

 


 

Titolo: IMPARARE A COMPETERE (SALERNO – SA23)


Durata: 21 mesi
Data inizio: novembre 2018
Data fine: luglio 2020

Partner:

  • Università degli Studi “Link Campus University”, in qualità di Ente Capofila;
  • Istituti dell’Ambito Territoriale di Salerno (SA 23):
    I. I.S. BARONISSI, ITIS BARONISSI, ITIS BARONISSI – SERALE, ITC MERCATO SAN SEVERINO, I.I.S. "G. FILANGIERI" CAVA DE’ TIRRENI, IPSC SIANO, IPSAR SIANO, IPSAR CAVA DE' TIRRENI, ITIS FILANGIERI CAVA DE’ TIRRENI, IPSAR CAVA – SERALE, DELLA CORTE – VANVITELLI CAVA DE TIRRENI, ITIS CAVA DE' TIRRENI, GIOVANNI XXIII SALERNO, IST.PROF.SERV. COMMERCIALI SALERNO, I.P.I.A. MANUT ASS TECNICA SALERNO, IST TECN TRASPORTI E LOGISTICA SALERNO, GALILEI-DI PALO SALERNO, ITG DI PALO SERALE SALERNO, F. TRANI SALERNO, "F. TRANI" – SERALE SALERNO, GENOVESI - DA VINCI SALERNO, IPSAR "S. CATERINA DA SIENA" SALERNO, B. FOCACCIA SALERNO, IPSIA B. FOCACCIA SALERNO, I.P.S.A.S.R. SALERNO, I.P.S.A.S.R. ANGRI, I.P.S.A.S.R. BATTIPAGLIA, I.P.S.A.S.R. CASTEL S.G. "G. PAOLO II", I.P.S.A.S.R. CAPACCIO, I.P.S.A.S.R. SARNO, I.P.S.A.S.R. FISCIANO, I.P.S.A.S.R. POLLICA, I.P.S.A.S.R. ACERNO, R. VIRTUOSO SALERNO, SABATINI-MENNA SALERNO, IPSEOA ANNESSO CONVITTO NAZIONALE SALERNO

 

Descrizione:
Il progetto vuole contribuire a creare condizioni, attraverso strumenti didattici e l’uso delle tecnologie, affinchè le competenze da acquisire nella scuola dell’obbligo siano di facile acquisizione e di facile insegnamento. Il filo che unisce tutto ciò è la necessità di fornire ai ragazzi strumenti di crescita e consapevolezza per la partecipazione attiva al mondo che li circonda. A tal fine il progetto si pone come obiettivo il raggiungimento con l’assolvimento dell’obbligo scolastico delle seguenti competenze:
Imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale e informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro.
Comunicare ovvero comprendere messaggi di genere diverso. Collaborare e partecipare ad interagire in gruppo. Agire in modo autonomo e responsabile. Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi Individuare collegamenti e relazioni. Acquisire ed interpretare l’informazione.

 

Attività LCU:
Nella prima fase di Formazione Formatori e co-progettazione sarà utile progettare la PIATTAFORMA DI TRAINING OCSE-PISA-INVALSI e modulare e scegliere gli strumenti e i materiali didattici da utilizzare all’interno delle attività previste dal progetto. Una volta che gli insegnanti avranno preso consapevolezza degli obiettivi da raggiungere e degli strumenti che saranno messi loro a disposizione, si passerà alla fase di CO PROGETTAZIONE. Questa fase utilizzerà i dati desunti dall’analisi dei test e di ogni altro materiale messo a disposizione dalla scuole, unitamente agli strumenti ed ai materiali didattici messi a disposizione da LCU. Nella fase di DIDATTICA le classi che avranno un max di 20 alunni, e ove saranno presenti esigenze particolari, saranno previsti moduli aggiuntivi e personale specializzato di supporto. Una volta chiusa la fase di co-progettazione e programmazione, si inizierà la formazione degli alunni. Nell’ultima fase si procederà alla formazione laboratoriale (FASE LABORATORIO) di almeno 10 ore, da realizzarsi sempre nelle singole sedi delle scuole, che saranno funzionali alla simulazione dei TEST OCSE-PISA-INVALSI. Parallelamente a queste quattro fasi fondamentale sarà la fase di tutoraggio, considerata trasversale a tutte le fasi del progetto, in modo da fornire un affiancamento continuo ed assestare man mano che si presentano, eventuali criticità durante il percorso.

 

Fondi:
Il progetto è Co - finanziato dal fondi FSC 20014-2020. Azione 1 “Rafforzamento delle competenze di base in lettura e matematica degli studenti campani”. Obiettivo di servizio: Istruzione.

 


 

Titolo: SAPERI E COMPETENZE IN MATEMATICA ED IN LETTURA (NAPOLI - NA13)


Durata: 21 mesi
Data inizio: novembre 2018
Data fine: luglio 2020

Partner:

  • Università degli Studi “Link Campus University”, in qualità di Ente Capofila;
  • Istituti dell’ Ambito Territoriale di Napoli Nord (Na 13):
    Ipseoa Duca Di Buonvicino Napoli, L.Sc. Caccioppoli-Napoli, Iti "Fermi - Gadda" Napoli, Itc E.Caruso-Napoli-, I.T.I. Alessandro Volta, "Leonardo Da Vinci" – Napoli, L.Sc.F. Sbordone-Napoli, Ist. Sup Attilio Romano', Itis Miano, Iti G.Ferraris-Napoli, Iti(Ss)G. Ferraris-Napoli, I.S.I.S. "Melissa Bassi", Ist.Sup."V. Veneto"-Napoli, Ipc - Ipsar."V. Veneto"Napoli, Ist Turistico " V. Veneto", I.I.S. "Sannino-De Cillis" Napoli, Ip.Agr " Sannino- De Cillis, Ipia "Sannino"-" De Cillis" Napoli, Sez.Ne Sper.Le Rec.Ro Obbl. Scol.Co-Nanapoli , It.Agr. " Sannino-De Cillis-"Napoli , I.T.I.S " Sannino-De Cillis", Ipia " Sannino" Serale Ist. Sup. "Archimede" Itcg Archimede Serale –Napoli Itt "Marie Curie" Napoli, Ipsar "I. Cavalcanti" Napoli, Itis Curie Serale, Ipsar "I. Cavalcanti" Napoli

 

Descrizione:
Il progetto si pone come obiettivo aumentare la consapevolezza dei docenti e dei discenti circa l’importanza delle competenze di literacy e numeracy nella vita quotidiana, nonché di dotare i docenti e le scuole di strumenti metodologici, operativi e tecnologici per l’analisi, misurazione ed accrescimento di tali capacità al fine di ridurre i gap in materia di INVALSI OCSE-PISA. Inoltre il progetto ha lo scopo di rendere la collaborazione tra università e scuola una costante nelle attività scolastiche, anche con l’uso di piattaforme tecnologiche realizzate e l’adozione da parte delle scuole di metodologie e strumenti utili alla misurazione e quindi al miglioramento di tali capacità. Per far si che questo accada il progetto prevede che i docenti nella fase di formazione acquisiscano capacità autonome di gestione dei processi e degli strumenti. Nell’ambito NA 13 gli interventi saranno progettati unitamente ai dirigenti delle scuole in modo da ovviare ai gap che saranno determinati anche dalla numerosità delle scuole. Particolare importanza avrà la programmazione delle attività in orario extracurriculare in riferimento alla necessità di collimare le attività del progetto con le attività previste già dall’offerta formativa delle scuole.

 

Attività LCU:
Nella prima fase di Formazione Formatori e co-progettazione sarà utile progettare la PIATTAFORMA DI TRAINING OCSE-PISA-INVALSI e modulare e scegliere gli strumenti e i materiali didattici da utilizzare all’interno delle attività previste dal progetto. Una volta che gli insegnanti avranno preso consapevolezza degli obiettivi da raggiungere e degli strumenti che saranno messi loro a disposizione, si passerà alla fase di CO PROGETTAZIONE. Questa fase utilizzerà i dati desunti dall’analisi dei test e di ogni altro materiale messo a disposizione dalla scuole, unitamente agli strumenti ed ai materiali didattici messi a disposizione da ULC. Nella fase di DIDATTICA le classi che avranno un max di 20 alunni, e ove saranno presenti esigenze particolari, saranno previsti moduli aggiuntivi e personale specializzato di supporto. Una volta chiusa la fase di co-progettazione e programmazione, si inizierà la formazione degli alunni. Nell’ultima fase si procederà alla formazione laboratoriale (FASE LABORATORIO) di almeno 10 ore, da realizzarsi sempre nelle singole sedi delle scuole, che saranno funzionali alla simulazione dei TEST OCSE-PISA-INVALSI. Parallelamente a queste quattro fasi fondamentale sarà la fase di tutoraggio, considerata trasversale a tutte le fasi del progetto, in modo da fornire un affiancamento continuo ed assestare man mano che si presentano, eventuali criticità durante il percorso.

 

Fondi:
Il progetto è Co - finanziato dal fondi FSC 20014-2020. Azione 1 “Rafforzamento delle competenze di base in lettura e matematica degli studenti campani” - Obiettivo di servizio: Istruzione

 


 

Titolo: e-smMARTEC (sustainable mobility with MARketing TEChniques)


Durata: 36 mesi
Data inizio: 01/08/2019
Data fine: 31/07/2022

Partner:

  • Centre for Research and Technology Hellas (Grecia);
  • Region of Central Macedonia (Grecia);
  • Coventry University Enterprises Ltd (Regno Unito)
  • Promotion of Operational Links with Integrated Services – POLIS (Belgio);
  • Rome Mobility Agency (Italia);
  • University of Žilina (Rep. Slovacca);
  • Municipality of Venlo (Olanda);
  • Hessen Trade & Invest GmbH / Centre of Competence for Sustainable Urban Mobility - HTAI/CC-SUM (Germania).

 

Descrizione:
Il progetto si propone di ingaggiare la cittadinanza nella definizione di un nuovo modello di mobilità sostenibile. L’approccio utilizzato è orientato a rinforzare la pianificazione strategica modificando il comportamento della cittadinanza nell’utilizzo dei trasporti pubblici, in particolare persuadendo i residenti ad adottare azioni proattive nei confronti delle istituzioni pubbliche locali competenti nella gestione dell’architettura urbana. L’obiettivo specifico è quello di responsabilizzare la collettività coinvolgendola nei processi decisionali che definiscono il sistema di trasporto urbano, nonché supportare la stessa nella transizione da uno stile di vita auto-centrico/individuale a uno più condiviso (smart city). A tal fine verranno identificate, studiate ed impiegate le più efficaci ed avanzate tecniche di marketing, nonché sistemi decisionali partecipativi. Il partenariato è costruito in virtù dell’esperienza e del know-how dei vari soggetti coinvolti, entrambi acquisiti negli anni tramite l’interazione con i cittadini nelle rispettive aree regionali. Le Policy pubbliche analizzate sulle quali si interverrà nelle modalità sopra sintetizzate sono principalmente i Programmi Operativi delle Regioni (POR) e i SUMP (o PUMS - Piani di Mobilità Urbana Sostenibile).

 

 

Attività LCU:

  • analisi storica di modelli di governance delle politiche pubbliche, con particolare riferimento a quelle del trasporto urbano (top-down) e delle tecniche di partecipazione e design collettivi (bottom up);
  • eventi e incontri per lo scambio di esperienza e conoscenza tra gli stakeholder (cittadini, esperti, banche, rappresentanti politici…);
  • identificazione, analisi, valutazione e supporto all’implementazione di campagne di marketing efficaci;
  • produzione della Guida "Transferability evaluation and principles of e-smMARTEC techniques”.

 

Fondi:
Il progetto è co-finanziato con i fondi messi a disposizione da INTERREG EUROPE – European Regional Development Fund – IV Call.

 

 


 

Titolo: SMART MICE PLATFORM


Durata: 24 mesi
Data inizio: 01/01/2019
Data fine: 31/12/2021

Partner:

  • ENTERPRISE @PPLICATION INTEGRATION SOFTWARE SRL - Capofila
  • CONVENTION BUREAU ROMA E LAZIO SCRL, SKYLAB STUDIOS SRL, OMNITECHITSRL, UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

 

Descrizione:
Smart Mice Platform è un progetto di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale che ha l’obiettivo principale di sviluppare ed integrare varie soluzioni innovative in ambito ICT nel settore dei servizi digitali per il turismo e i beni culturali. Il progetto si focalizza sul quarto cluster strategico regionale individuato dal Piano per il Turismo regionale (Congressi e Affari) ma è allineato anche sugli altri cluster ed in particolare sul terzo e quinto (Incoming formativo e Personalizzazione e gamma alta).
Il cuore del progetto sarà l’ideazione e la realizzazione di una Piattaforma Digitale Integrata in grado di veicolare le informazioni legate al turismo congressuale di Roma e del Lazio consentendo, tra l’altro, una più efficace azione di marketing territoriale attraverso l’aggregazione dei diversi attori operanti sul settore (strutture ricettive, soggetti gestori dei BBCC, enti pubblici, etc.), e facilitando la fase di ricerca, pianificazione, acquisto ed esperienza delle scelte di viaggio per scopi liasure o business.

 

Fondi:
Il progetto è cofinanziato con i fondi del POR/FESR Lazio 2014/2020 a valere sull’avviso “Beni Culturali e Turismo”.

 

 


 

Titolo:3ReaD

 

Link CE

Durata: 27 mesi
Data inizio: 01/01/2019
Data fine: 01/03/2021

Partner:

 

Descrizione:
3ReaD è un progetto che si pone come obiettivo la realizzazione di un set di strumenti completo pensato per il rilievo, la generazione, l’editing e l’analisi di dati relativi allo stato di conservazione del patrimonio Culturale architettonico, archeologico e storico artistico. In particolare prevede lo sviluppo di una piattaforma on-line che, a partire da un rilievo fotogrammetrico automatico (Image-Based Modeling and Rendering), generi un modello 3D metrico e dettagliato di un bene culturale – sia esso di piccole dimensioni oppure distribuito su un’area estesa – sopra cui eseguire indagini diagnostiche per la valutazione dello stato di conservazione, eseguire una mappatura del danno, svolgere automaticamente processi di anastilosi per la ricomposizione di conci o frammenti, generare informazioni utili ad alimentare un Decision Support System.

Finalità:
3reaD consente la creazione di soluzioni software e applicativi altamente personalizzabili e flessibili
da adattare a finalità diverse a seconda delle esigenze dell’utente.

Con 3reaD sarà possibileimmergersi nello spazio virtuale della rappresentazione,superando i limiti bidimensionali e trasformando, per la prima volta, il ruolo dell’osservatore da fruitore passivo aprotagonista interattivo.

Grazie alla piattaforma 3reaD è possibile:

  • organizzarecon maggior sistematicità ed economicità interventi di conservazione programmata sapendo dove, come e quando intervenire per garantire la conservazione del bene;
  • trovare applicazionenel campo della gestione delle emergenze naturali;
  • contribuire alla divulgazioneimmersiva della conoscenza artistica, architettonica e archeologica

Sostegno Finanziaro Ricevuto:
Il progetto è finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale nell’ambito del POR/FESR Lazio 2014/2020 a valere sull’avviso PUBBLICO “Beni Culturali e Turismo” sovvenzione concessa 79.610,89 Euro.

Contenuti:

 


 

Titolo: ECOSLIGHT - Environmentally Conscious Smart Lighting 


Durata: 36 mesi
Data inizio: 01/12/2019
Data fine: 30/11/2022

Partner:

  1. Hellenic Open University (Grecia)
  2. National Technical University of Athens – NTUA (Grecia)
  3. Techniko Epimelitirio Eladas (Grecia)
  4. European Grants International Academy Srl (Italia)
  5. Link Campus University (Italia)
  6. Forschungsverbund Berlin EV (Germania)
  7. European Lighting Cluster Alliance – ELCA (Italia)
  8. Europaischer Verband Beruflicher Bildungstrager – EVBB (Germania)
  9. Bundesverband Der Trager Beruflicher Bildung EV (Germania)
  10. Universite Paul Sabatier Toulouse III (Francia)
  11. ECQA (Austria)
  12. Association française de l'éclairage (Francia)

 

Descrizione:
Il settore edilizio affronta la contemporaneità cercando di offrire illuminazioni energeticamente efficienti e sostenibili a città, edifici e aziende, con l’obiettivo di ridurre il consumo di combustibili fossili entro il 2050, come previsto dalla la road map della Commissione Europea.
Tuttavia, l’odierno panorama professionale dell’illuminotecnica vede gli esperti confrontarsi con approcci differenti a seconda del background accademico di provenienza. Ciò impedisce di raggiungere una progettazione olistica e interdisciplinare, essenziale nel ventunesimo secolo. Dunque, sussiste sul campo l’imminente e crescente bisogno di riunire le competenze progettuali con le nuove tecnologie, considerando maggiormente le problematiche ecologiche ed umane dell’intero pianeta.
Il programma formativo ECOSLIGHT, per progettisti di illuminazione intelligente, identifica le competenze richieste dal mercato e i profili professionali correlati, creando curricula modulati su capacità di apprendimento e risultati. I professionisti sono coinvolti in percorsi formativi specialistici attraverso MOOC (Massive Open Online Courses) e lavori pratici con le rispettive comunità professionali. Il progetto adotta tutte le certificazioni necessarie (EQF, ECVET, EQAVET) utili a migliorare il riconoscimento e l’identificazione professionale a livello nazionale e comunitario e si sviluppa all’interno framework formativi/lavorativi moderni, diffusi e riconosciuti dall’Unione Europea (e-CF, DigComp, EntreComp, P21).
Complessivamente, è previsto che migliori l’occupazione e le prospettive di carriera nel settore, oltre ad avere una forte ricaduta sull’aumento della produttività e sui risultati riguardanti l’utilizzo delle nuove tecnologie, il risparmio energetico e il benessere umano.

 

Attività LCU:

  • Coordinamento progetto;
  • Organizzazione meeting ed eventi;
  • Definizione framework formativi e professionali;
  • Identificazione e mappatura necessità professionali;
  • Identificazione e mappatura dei programmi di sviluppo professionale.

 

Fondi:
Programma: Erasmus+;
Key Action: KA2 - Cooperation for innovation and the exchange of good practices;
Action: Sector Skills Alliances in vocational education and training;
Call of proposals: EAC-A03-2018.

 


 

Titolo: Ricerche con il Circolo di Studi Diplomatici su temi prioritari per la politica estera italiana


Durata: 3 mesi
Data inizio: 02/09/2019
Data fine: 30/11/2019

Partner:

  1. Circolo di Studi Diplomatici
  2. Link Campus University

 

Descrizione:
Il progetto si pone lo scopo di contribuire all’approfondimento di alcuni temi prioritari per la formulazione e la conduzione della politica estera italiana avvalendosi dell’apporto scientifico e di conoscenza del Circolo di Studi Diplomatici. La ricerca è organizzata in sette Dialoghi Diplomatici, che costituiscono una delle tradizionali forme di espressione delle attività di ricerca del Circolo, ed un Convegno.
I temi trattati nella ricerca sono:

  • Primo Dialogo: Relazioni euro-russe e il ruolo dell’Italia.
  • Secondo Dialogo: Mediterraneo e Medio Oriente tra potenze regionali ed esterne. Gli interessi dell’Italia.
  • Terzo Dialogo: L’Europa centrale e balcanica nella costruzione europea.
  • Quarto Dialogo: Autonomia strategica e ruolo globale dell’Unione Europea.
  • Quinto Dialogo: L’Unione Europea tra integrazione e differenziazione.
  • Sesto Dialogo: La gestione globale delle migrazioni internazionali.
  • Settimo Dialogo: La Turchia tra ancoraggio europeo e ambizioni di Potenza regionale.
  • Convegno finale: Dalla stagnazione al rilancio del progetto europeo.

 

Attività LCU:
La Link Campus University ha rivestito il ruolo di supporto scientifico, tecnico e amministrativo tramite trascrizione e proof-reading degli atti dei Dialoghi e del Convegno finale tenutosi il 5 dicembre 2019 presso Spazio Europa.

 

Fondi:
Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - MAECI

 


 

Titolo: Digitalizzazione per la fruizione ai fini della ricerca storico-diplomatica dell’archivio del Circolo di Studi Diplomatici


Durata: 3 mesi
Data inizio: 02/09/2019
Data fine: 30/11/2019

Partner:

  1. Circolo di Studi Diplomatici
  2. Link Campus University

 

Descrizione:
Il Progetto, denominato “Digitalizzazione per la fruizione ai fini della ricerca storico-diplomatica dell’archivio del Circolo di Studi Diplomatici, ha previsto lo svolgimento delle seguenti attività progettuali, condotte congiuntamente dalla Link Campus University e dal Circolo di Studi Diplomatici: attività di supporto alla ricerca storico-diplomatica tramite la digitalizzazione di analisi e valutazioni sui maggiori temi della politica internazionale raccolte negli oltre 50 anni di storia del Circolo di Studi Diplomatici nella forma di lettere, dialoghi e quaderni di lezioni svolte in attività di formazione,costituendo un archivio telematico su sito web con relativa App (Android - Mac Os X) per la consultazione per singolo file, di documenti in formato PDF continuamente aggiornato dalle nuove pubblicazioni del Circolo, al fine di renderlo fruibile a condizioni di facile accesso al più vasto pubblico di studiosi, ricercatori e persone interessate alla storia recente delle relazioni internazionali e al ruolo in esse svolto dall’Italia

https://circolostudidiplomatici.unilink.it/pages/home

 

Attività LCU:

  • Scannerizzazione di un totale di 1264 Lettere diplomatiche (di estensione dalle 4 alle 6 pagine) e di 246 Dialoghi diplomatici (di estensione dalle 15 alle 20 pagine) per un complessivo numero di pagine di oltre 10.620;
  • Creazione archivio multimediale;
  • Definizione criteri di catalogazione.

 

Fondi:
Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - MAECI

 


 

Titolo: Pubblicazione volume “Promozione Integrata del Sistema Paese”


Durata: 7 mesi
Data inizio: 01/08/2019
Data fine: 14/06/2020

Partner:
LCU unico proponente

 

Descrizione:
L’Università degli Studi “Link Campus University” ha posto in essere attività di ricerca di tipo policy oriented sul tema “La Politica estera come investimento per il futuro dell’Italia” segnalata come prioritarie e strategica dall’Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione storica del MAECI. Studi in tale direzione sono reputati dal MAECI proficui per coadiuvare la definizione e la conduzione della politica estera italiana.
Stante il leitmotiv della strategia di promozione integrata – quello di “Fare Sistema” nell’ambito della proiezione esterna dell’Italia – Link Campus University ritiene che la realizzazione di un volume specialistico su questo tema possa costituire una parte integrante della strategia stessa.
“La promozione integrata del Sistema Paese”

 

Attività LCU:

  • Ricerca di tipo policy oriented
  • Pubblicazione del volume

 

Fondi:
Contributi a progetto ex art. 23 - bis del DPR 18/1967 - MAECI

 


 

Titolo: La scena digitale


Durata: 3 mesi
Data inizio: 01/09/2019
Data fine: 31/12/2019

Partner:
LCU unico proponente

 

Descrizione:
Progetto di formazione sulle tecniche di messa in scena dello spettacolo dal vivo digitale, ossia le forme di rappresentazione che veicolano le storie non solo con la drammaturgia e gli attori ma anche attraverso la drammaturgia della luce, dei suoni e delle immagini digitali. Le conoscenze offerte riguardano la progettazione, costruzione e gestione di sistemi interattivi e impianti per opere multimediali e teatrali, per l’allestimento delle scene per lo spettacolo dal vivo.

Progetto di Formazione laboratoriale finalizzata all’apprendimento delle professionalità dello spettacolo dal vivo che operano in campo artistico con le tecnologie digitali. Il laboratorio offre agli studenti, in un mix di filologia e alta tecnologia, una preparazione propedeutica sulle metodologie di costruzione della “scena digitale”, sulla base di linguaggi di programmazione e sui dispositivi utili alla costruzione di scene e spazi virtuali per lo spettacolo dal vivo.

S’intende offrire le competenze di base specifiche sulle tecnologie digitali in ogni forma di rappresentazione, sull’interazione audio/video/performer e gestione dei segnali audio-video, sulla produzione dello spettacolo dal vivo creativa contemporanea.
Gli studenti si confrontano con professioni e artisti dello spettacolo e con loro hanno modo di simulare eventi postmediali site-specific nel chiostro Cinquecentesco del Casale San Pio V, sito in Roma.

 

Attività LCU:

  • Laboratori all’interno di aule multimediali universitarie, fornite di apparecchiature digitali di postproduzione e manipolazione dell’immagine digitale al fine di coinvolgere direttamente i ragazzi con la pratica.
  • Realizzazione di eventi digitali con apparecchiatura professionale: proiettori per immagini e luci, amplificazione sonora, console digitali per Vj-Dj set e per l’interazione degli attori dal vivo e le scenografie e le figure virtuali.
  • esercitazioni pratiche, per consentire ai giovani di vivere direttamente un’esperienza di spettacolo dal vivo, in scenografia virtuale, drammaturgia della luce, videomapping, performance e arte digitale, Vj-Dj set.

 

Fondi:
Regione Lazio - Contributi allo Spettacolo dal vivo - Legge Regionale N. 15/2014 - Reg. n. 20/2018 – Par. 7 Annualità 2019.